Connettersi a Windows da un Mac usando il protocollo RDP

Mi è capitato recentemente di avere l’esigenza di collegarmi ad un server Microsoft utilizzando il Mac.

Ho quindi installato e provato Microsoft Remote Desktop disponibile su AppStore pensando: chi meglio di Microsoft può fare un client per collegarsi remotamente ai suoi sistemi operativi? Ebbene, ho pensato male: Microsoft Remote Desktop è letteralmente inutilizzabile a causa dei tempi di risposta lentissimi. Tanto per fare un esempio, lo spostamento di una finestra avviene sul client con un ritardo di almeno un paio di secondi.

Fortunatamente ho trovato CoRD, un software libero rilasciato sotto licenza GPLv2, che è velocissimo e fa il suo mestiere.

Consigliato.

Annunci

Icone Retina per le applicazioni del Roam

apps

Ho aggiornato tutte le icone di tutte le applicazioni del Roam, in modo che rendano meglio sugli schermi retina:

IconCreator 0.1 Droplet

ic

Apple su OS X 10.8 non supporta più Icon Composer1,2, che faceva parte dei Graphic Tools di Xcode, e quindi per coloro che lo usavano si viene a creare un problema.

IconCreator 0.1 Droplet lo risolve e supporta anche gli schermi Retina.
Gratis.

* * *

  1. eDue – Ma farsi i cazzi propri no, eh?!
  2. eDue – Apple Xcode 4.4 e Icon Composer
  3. eDue – Pattine da montagna (wIP 0.8)
  4. eDue – Roam – Conoscere Possibile: Software

Personalizzare i comportamenti predefiniti di Xcode

Una delle configurazioni predefinite più folli di Xcode è quella che prevede, dopo aver terminato una build con errori o warning, di mostrare automaticamente l’Issue Navigator nella parte sinistra della finestra dell’applicazione.

Mentre in caso di errori questo comportamento potrebbe essere di qualche utilità, nella maggior parte dei casi non lo è affatto e costringe lo sviluppatore a cambiare in continuazione – soprattutto in fase di debug – la vista per tornare a quella precendemente utilizzata, normalmente il Project Navigator.

Fortunatamente il comportamento di Xcode è personalizzabile ed è possibile modificare l’impostazione predefinita tramite le Preferenze dell’applicazione:

– aprire le preferenze di Xcode;
– selezionare il tab Behaviors nella parte alta della finestra;
– selezionare nella parte sinistra della finestra la voce Generates new issues nella sezione Build;
– deselezionare la voce Show oppure cambiare la vista del navigator in current (se si vuole mantenere la vista selezionata prima di effettuare la build), oppure Project Navigator (se dopo la build si desidera attivare la vista Project Navigator).

Pannello Behavior delle Preferenze di Xcode

Le stesse impostazioni possono essere configurate anche per cambiare il comportamento che Xcode assume in occasione delle operazioni di Testing ed in generale, attraverso questo pannello delle preferenze, è possibile personalizzare i comportamenti di Xcode a seguito di eventi conseguenti ad azioni dell’utente.

Apple Xcode 4.4 e Icon Composer HOWTO

Se vi siete accorti che da Xcode 4.4 è sparito Icon Composer, trovate la soluzione qui: Apple Xcode 4.4 e Icon Composer | eDue.

* * *

Con l’occasione, se volete rimuovere Xcode 4.2.x, ma non l’avete fatto al momento di installare Xcode 4.3 dall’AppStore (Xcode 4.3 si presenta come un package invece che come una serie di cartelle annidate in /Developer/ sul disco di avvio), avete due metodi.

Uno è quello di andare in /Developer/Library/ e lanciare da Terminale (come root, ovvero con sudo, se non l’avete abilitato) i due script di shell

uninstall-developer-folder
uninstall-devtools

L’altro è questo: xcode4.2 – XCode 4.3 – Uninstall XCode 4.2 – Stack Overflow.

Il secondo, la prossima volta che lanciate Xcode, risulta in questo:

Generare la documentazione da Xcode

Utilizzando l’utility appledoc è possibile generare automaticamente la documentazione delle classi ObjectiveC direttamente da Xcode durante la build del progetto.

Installare appledoc

La prima cosa da fare è installare appledoc. Il modo migliore è clonare i sorgenti del progetto pubblicati su GitHub in XCode e compilarli, così come riportato dalla sezione Quick Install del readme di progetto oppure dal paragrafo “Installing appledoc” dell’articolo Providing Custom Documentation in Xcode.

Una volta verificato che appledoc sia installato lanciando da terminale il comando appledoc –help, possiamo procedere alla configurazione del progetto Xcode per il quale si intende generare la documentazione.

Configurazione della build del progetto Xcode

Ogni progetto Xcode per il quale si desidera produrre la documentazione, dovrà essere configurato in modo da aggiungere delle fasi di build che si occuperanno di lanciare lo script appledoc che genera la documentazione.

Questi sono i passi di configurazione da seguire:

  • aprire il progetto in Xcode e selezionarlo nel Project Navigator;
  • creare un nuovo Target usando il tasto Add Target in basso a sinistra nella parte centrale della finestra;
  • Xcode ci propone diverse tipologie di Target, la tipologia di Target che permette di eseguire degli script è Aggregate; scegliere quella relativa alla piattaforma del progetto (iOS o Mac OS X);
  • nel nuovo Target selezionare il tab Build Phases e aggiungere una nuova Build Phase di tipo Run Script usando il tasto Add Build Phase in basso a destra della parte centrale della finestra;
  • espandere la sezione Run Script appena creata ed inserire nel campo contraddistinto dal numero 1 lo script per generare la documentazione:
    /usr/bin/appledoc \
    –project-name “Project Name” \
    –project-company “Company Name” \
    –company-id com.company.id \
    –logformat xcode \
    –create-html \
    –keep-undocumented-objects \
    –keep-undocumented-members \
    –exit-threshold 2 \
    –ignore .m \
    –ignore UnitTest \
    /Path/To/Project/Folder“dove sostituire:
    Project Name con il nome del progetto
    Company Name con il nome dell’autore/azienda
    com.company.id con il dominio univoco (in stile java package) dell’autore/azienda
    /Path/To/Project/Folder con il path completo al folder di progetto
  • se si desidera avere una copia della documentazione in una cartella diversa da quella di default (/User_home_folder/Library/Developer/Shared/Documentation/DocSets/com.company.id.Project-Name.docset), creare una nuova Build Phase di tipo Run Script ed inserire al suo interno il seguente script:
    cp -R /User_home_folder/Library/Developer/Shared/Documentation/DocSets/com.company.id.Project-Name.docset “/Destination/Path
    dove sostituire:
    User_home_folder con la directory home dell’utente
    com.company.id con il nome dominio univoco usato nello script precedente
    Project-Name con il nome del progetto specificato nello script precedente, sostituendo con un trattino gli eventuali spazi.

Inserire i commenti nei sorgenti

Affinché la documentazione generata con dei contenuti, è necessario inserire all’interno dei degli header delle classi, e per tutti gli elementi che si vogliono documentare (classe, proprietà, metodi), dei commenti che rispettino la sintassi di appledoc che è molto simile a quella adottata da javadoc.

Questo è un esempio di commento per un metodo:
/**
* Create and returns the singleton instance.
*
* @param dataFile The data file name
* @return The singleton instance
* @exception NSException Raised when the singleton creation fails.
*/

Una guida completa alla sintassi di appledoc è riportata dalla documentazione presente sul sito del progetto.

Conclusioni

Ecco un esempio di quello che si otterrà per le proprie classi una volta generata la documentazione.

La documentazione generata da appledoc verrà visualizzata automaticamente in Xcode sia nel Quick Help inspector che nella sezione Documentation dell’Organizer.

Riferimenti

  1. Infinite Blog – Providing Custom Documentation in Xcode
  2. Gentle Bytes – Appledoc